Le isole siamo noi, agglomerati di vissuto e memorie, incastrati nel mare. Navigando a vista dell'arcipelago dei rapporti, in una quotidianità alienante, quello stesso spazio che sembra tenerci lontani ci lega irrimediabilmente.

 

                                                                                                                                               

 

 

per info e prenotazioni scrivici su opra.mediterranea@hotmail.it

 

                                                                                                                                               

 

Testi:

In un cosmo di scariche elettriche

Pulsazioni e pulsioni sessuali

Labirinti di città e polvere

Vive un uomo che sfoglia i cieli

 

E riattacca fra loro le tessere

Di un mosaico raccolto per strada

Occhi e mani, sogni e malessere

Di chi è un'isola ovunque vada

 

Dai deserti affamati d'America 

Fra le braccia di un Dio senza voce

Quante anime, cresciute a metà

Migreranno nel mondo cercando pace

 

C'è un bambino, cresciuto in un vicolo

Nato fragile e forte per forza 

Se lo incontri, non parlargli di te

Se lo incontri, stavolta, ascolta 

 

Ti dirà le parole dell'anima

Nel linguaggio dei figli del mare

Scava il fondo della tua umanità

Verso il senso profondo di questo amore...

Sono qui

Appeso a un filo invisibile

Immobile malessere

Cerco un’altra realtà

Di là

 

Tu chi sei

Che muovi ogni mio muscolo

Inventi false verità

Mi tormenti e poi via…

 

E mi stai chiamando ora

Come una vertigine sintetica

Mi stai distruggendo ora

 

Sono qui

Drogato di solitudine

Marionetta fragile

Della tua ambiguità

 

Siamo qui

Fedeli schiavi del nulla 

Crisalidi di uomini

Senza più fantasia

 

Ma qualcosa grida ancora

Supera il frastuono e inonda l’anima

Brucia nelle vene ora

Strappa le catene e vola

Scivola sul fondo di una lacrima

Mi sto risvegliando ora

 

Siamo vittime marionette nel viavai

Ingranaggi che

Non sapranno mai

Chi è il l'artefice

Dove corre il mondo

Se l'inferno è comodo

Ma tu stringimi, apri gli occhi e vedrai

Che so vivere!

 

Senza più catene vola

Stacca la corrente e attacca l’anima

Non è troppo tardi ancora

E dammi le tue mani ora

Scendi dalla sedia, prova a muoverti

Senza più catene, vola!

 

Un passo

Ancora un passo, ancora

Un passo

Con tutta questa vita

Addosso

Solo un passo e

Finalmente

Saremo accanto

 

Scendi

Dal tuo binario, scendi

Stendi

Le braccia più che puoi

Lo sento

Questa è la volta buona

Noi

Saremo una cosa sola

 

Tu

Ti guardi nello specchio

Io 

Mi vedo un po’ più vecchio

Dimmi

Che si è fermato il tempo

Adesso

Devo scrollarmi via di 

Dosso

Questo destino che mi

Vuole

Numero primo a un solo

Passo… Da te

 

Come due rette parallele

Siamo incapaci di toccarci

Ci uniamo solo all’infinito

E in quel miraggio andiamo avanti

Gocce di pioggia alla deriva

Sul finestrino

Intrappolate 

In questo stupido destino

Siamo due anime gemelle

Incastrate in corpi sconosciuti

Due solitudini divise

Da un muro di normalità

Corriamo accanto come treni

Senza mai prenderci le mani

Numeri primi

Soltanto multipli di se

 

Un passo

Ancora un passo, ancora 

Un passo

Siamo affacciati sull’

Abisso

Ma per te salterei lo

Stesso

Io lo farei per te

 

Tu

Mi guardi e non capisci

Io

Continuo a non parlarti

Dimmi

Che siamo ancora in tempo

Adesso

Che sto morendo dentro

Questo

Locale pieno di 

Banali

Numeri multipli di un altro

Ma più vicini a te…

 

Come due rette parallele

Siamo incapaci di toccarci

Ci uniamo solo all’infinito

E in quel miraggio andiamo avanti

Gocce di pioggia alla deriva

Sul finestrino

Intrappolate

In questo stupido destino

Corriamo accanto come treni

Senza mai prenderci le mani

Numeri primi

Soltanto multipli di se

Ma se la pioggia ha il tuo sorriso

E l'infinito è già domani

Saltiamo insieme

È solo un passo amore...

Isole
Le tangenziali della civiltà

Fiumi di città

 

Itaca

È solo un nome alla pubblicità 

Una malattia

 

Guardami

Sembro un relitto nel disordine 

Schermo e cenere

 

Resto qui

Sulla mia isola

Incastrata nel mare

 

Ah

Non c’è tempo, non c’è spazio

Ah

Nel mio mondo a schermo piatto

 

Vieni qui, amico

Vedrai

Isola è solo un’idea

La tua malattia 

È la mia realtà...

 

Compra anche tu

La nuova logica universale

Con mille gadget per fare male

E un occhio cinico passepartout

 

E capirai 

Che non c’è un’isola per scappare

Ma solo litri di finto mare

Da regalare a chi mendica

 

Scegli un nickname 

Che non tradisca la tua emozione

Raggiungi subito l’erezione

Che non c’è tempo da perdere

 

Pensaci su

Che te ne fai della libertà 

Con qualche grammo di America

Ci si diverte di più 

 

Itaca

Meta di un viaggio interminabile 

Oltre i confini del tempo e dell’identità 

Non c’è più la solitudine 

Sono io, adesso, il mare

 

Ah... non c’è tempo, non c’è spazio 

Ah... nel mio mondo...

 

Dentro i miei occhi c’è una nuvola

Mani di sabbia e sangue trasparente 

Non so più chi sono ma questo non mi fa paura

Sono tutto e tutto è in me, sono tutto ciò che c’è...

 

 

Ricordo che mio padre

Mi raccontava il mare

(Oceano mare)

Con gli occhi a penzoloni sui ricordi

Di quando, da bambino

Andava con suo padre 

(Oceano mare)

A vendere speranza ai naviganti

Ricordo quella notte 

Riflessa nei tuoi occhi

(Oceano mare)

La notte che ti dissi "devo andare"

E la tua voce dolce

Di mirra e di limoni

(Oceano mare)

Che sussurrava piano "tornerai"

 

Un mare tanto grande da affogarci col pensiero

Ma liberi davvero 

Un mare silenzioso, vanitoso

Che neanche te ne accorgi e allaga il cielo

Un mare senza sosta, senza fine, senza senso

Che ti vien voglia di lasciarti andare

Un mare di corallo 

All'alba del tramonto

Un mare di coraggio...

Sono pronto

 

In piedi sulle assi

Di questa mezza nave

(Oceano mare)

Mi chiedo quanta vita mi rimane

Non mi è rimasto altro

Che un nome, un indirizzo 

(Oceano mare)

E un numero sbiadito da scordare

Ma quanto vale un uomo

In tutto questo mare

(Oceano mare)

Un uomo di vent'anni quanto vale?

 

Un mare tanto grande da affogarci col pensiero

Ma liberi davvero 

Un mare silenzioso, vanitoso

Che neanche te ne accorgi e allaga il cielo

Un mare senza sosta, senza fine, senza terra

Che ti vien voglia di lasciarti andare...

 

Un mare tanto grande da affogarci col pensiero

Ma liberi davvero 

Un mare silenzioso, vanitoso

Che neanche te ne accorgi e allaga il cielo

Un mare senza sosta, senza fine, senza terra

Che ti vien voglia di lasciarti andare

Un mare di corallo 

Un all'alba del tramonto 

Un mare di coraggio

Sono pronto

 

Non importa se

Non sai neanche cosa dici: è solo un suono finto

Tutto ciò che vuoi

È una vita da formica in questo labirinto 

Segui la danza ipnotica

Di questo mondo a pezzi

Stringi i pugni, mostra i denti

Nella guerra della fame non ci sono santi

 

Vivi la realtà 

Come fosse un videogioco: accumulando punti 

La felicità

È riuscire a guadagnare più di quanto spendi

Quanto costa un’isola 

Mentre stai annegando 

Chiudi gli occhi, cosa senti?

È il tempo che ti sta scappando

 

Tic, tac...

Il suono di una sveglia, le campane di una chiesa

Frammenti

Di una via distesa

Fra la terra e il mare

Un’attesa 

Che dura da una vita

Un tempo da abitare

 

Tic, tac...

Il debole riflesso di un ricordo a fior di pelle

Le tue stelle

Sparpagliate in un cielo sempre uguale

Fa male

Mi ronzano le orecchie e non riesco a respirare... 

 

C’è una musica

A me sembra neve

Copre la città 

Quanto durerà 

Questo sogno breve? 

Questa eternità...

 

...Il suono di una sveglia, le campane di una chiesa

Frammenti di una via distesa tra la terra e il mare...

 

Tic, tac...

Il suono di una sveglia, le campane di una chiesa

Frammenti di una via distesa tra la terra e il mare 

Un’attesa

Finita all’improvviso, un tempo da abitare...

 

                                                                                                                                               

 

Credits:

Michael Aiosa - pianoforte, tastiere, sintetizzatori
Mattia Braghero - voce, armonica
Federico Ferrara - chitarra elettrica, acustica, 12 corde
Manuele Mecca - batteria, percussioni
Lorenzo Morelli - basso elettrico

e con:
Francesca Della Vecchia - cori su “Lettera” “Numeri Primi” “Isole”
Francesco Pipia e Marco Giampieretti - intermezzo elettroacustico su “Isole”

Testi: Mattia Braghero
Concept: Manuele Mecca
Coordinamento amministrativo: Michael Aiosa

Prodotto da Opra Mediterranea e Roberto Gasparini

Registrato da Giacomo Salani presso La Fucina studio (dicembre 2018-gennaio 2019)
Mixato da Riccardo Parravicini presso MAM Recording Studio (marzo-aprile 2019)
Mastering di Giovanni Versari presso La Maestà Studio (giugno 2019)
Una produzione musicale di Campus della Musica Firenze
Foto di copertina Homo Ludens 22 di Katrin Korfmann
Grafiche di Lorenzo Mannucci e Daria Kokareva
Ritratto di gruppo di Giovanni Mitolo

Tutte le canzoni sono scritte e arrangiate da Opra Mediterranea
© 2019 Enterprise8 srl - ℗ 2019 Opra Mediterranea - Foto di copertina © 2013 Katrin Korfmann, Homo Ludens 22c/o Pictoright Amsterdam 2019

 

                                                                                                                                               

 

Grazie:

Ai membri delle nostre famiglie, passate, presenti e future.
Ai nostri preziosi amici che ci accompagnano, consigliano e supportano.
A Lorenzo e Daria, molto più di semplici grafici.
A Francesco Giomi di Tempo Reale per aver supervisionato l’intervento elettroacustico su “Isole”.
A Franz, per aver illuminato CasaOpra e Lotti ‘O procuratore.
Grazie inoltre a Sergio e Mauro Taddei, Mario Marmugi, Tommaso Chiti, Omar Daini, Lorenzo Favuzza, HOBO guitars, Ufip Cymbals e Fabio Ducali.